Influenza: come curarla in modo naturale con miele e propoli

La stagione autunnale fa da apriporta a raffreddore, tosse e sintomi influenzali, ma non sempre è necessario ricorrere esclusivamente all’uso di medicinali. Scopriamo come curare e alleviare i sintomi influenzali mediante l’uso del miele e della propoli.

Anche se non abbiamo trascurato le misure precauzionali prescritte in questo periodo, come lavare spesso le mani e conservare il distanziamento sociale, dato l’irrigidimento delle temperature ci troviamo con il raffreddore, il mal di gola, e magari con qualche linea di febbre, sintomi influenzali comuni della stagione autunnale.

Sintomi influenzali: due ottimi alleati

Se un tampone negativo ci ha confermato che non abbiamo contratto il Covid-19, non ci resta che affrontare i nostri sintomi influenzali e aspettare che arrivi la guarigione. Possiamo attenuare i sintomi influenzali anche, ma non solo, in modo naturale, e per questa ‘mission’ due alleati perfetti sono: il miele e la propoli. Scopriamo come alleviare i sintomi influenzali con questi due elementi naturali e facilmente reperibili in commercio

Il sollievo del miele: La virtù curative del miele sono note fin dall’antichità. Il dolce prodotto delle api è costituto per l’80% da zuccheri (fruttosio e glucosio) e per il 15-19 per cento da acqua. La quota restante, anche se molto piccola, contiene una moltitudine di sostanze diverse, tutte assai preziose: ci sono circa 180 metaboliti secondari, come aminoacidi, enzimi, vitamine, pollini e aromi naturali. Le loro proprietà lenitive e curative sono riconosciute anche da autorevoli studi scientifici: possono esserci realmente d’aiuto per combattere i sintomi dei malanni da raffreddamento. Per attenuare il mal di gola e il malessere generale legato al raffreddore, è utile sciogliere un cucchiaio di miele in una bevanda calda, ad esempio il latte o una tisana, per sfruttarne gli effetti emollienti. Contro il dolore e la sensazione di “raschietto” alla gola, si può aggiungere a un cucchiaino di miele qualche goccia di succo di limone e tenere tutto in bocca per qualche istante prima di deglutire: le proprietà emollienti del miele unite al potere disinfettante del limone attenueranno il fastidio. Il miele ha anche un effetto curativo sulle piccole lesioni dell’epidermide, e può essere utilizzato come emolliente e purificante nelle maschere per la pelle del viso.

La propoli: è una sostanza resinosa sintetizzata a partire da oli essenziali e resine raccolti da alcune piante: per il suo elevato potere battericida le api la utilizzano per sigillare l’alveare e i favi come protezione dalle intrusioni di elementi patogeni esterni. Tra i costituenti essenziali della propoli si trovano alcuni oligoelementi come rame, zinco, calcio e ferro e, soprattutto, i flavonoidi, in particolare la galangina e la pinocembrina, delle quali è riconosciuto il potere antibatterico, antimicotico, antivirale, cicatrizzante e immunostimolante.  La propoli ha quindi un duplice effetto benefico: il primo direttamente contro i germi, il secondo come stimolo del sistema immunitario. E di provata efficacia anche contro alcuni funghi e, soprattutto, contro i virus responsabili del mal di gola. Per ottenere un effetto curativo più intenso la propoli può essere utilizzata sotto forma di tintura madre: questa è disponibile anche come soluzione idroalcolica in gocce, da assumere un paio di volte al giorno secondo la prescrizione del medico o del farmacista. In caso di mal di gola molto intenso si può spruzzare un po’ di propoli direttamente sulla zona irritata: otterremo un effetto disinfettante, un filtro protettivo e insieme un beneficio analgesico. La propoli è utile anche nel caso di piccole lesioni del cavo orale, e di afte: in questo caso si mescola un po’ di propoli all’acqua e si utilizza per fare sciacqui.ù

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *